12 Novembre 2019

Vent’anni dopo Malta. L’archeologia preventiva in Europa e in Italia

Convegno Vent'anni dopo Malta: l’archeologia preventiva in Europa e in ItaliaVenerdì 19 ottobre 2012 si terrà a Roma, presso l’École Française de Rome, dalle ore 9, l’importante convegno sull’archeologia preventiva dal titolo: Vent’anni dopo Malta. L’archeologia preventiva in Europa e in Italia. L’evento è aperto al pubblico e gratuito.
A vent’anni dalla Convenzione di Malta sulla protezione del patrimonio archeologico, il ruolo dell’archeologia preventiva ha conosciuto un enorme sviluppo sia sul piano metodologico che per quanto riguarda l’evoluzione delle normative in ambito europeo. L’attuale fase storica che vede i paesi europei confrontarsi con una pesante fase recessiva, ma, al tempo stesso, rilanciare in maniera generalizzata le grandi operazioni di infrastrutturazione destinate ad avere un forte impatto sul patrimonio archeologico, amplifica locandina roma 19 ottobreproblemi latenti per quanto riguarda l’efficacia dei diversi sistemi di tutela e il ruolo professionale dell’archeologo. Il progetto europeo ACE – Archaeology in Contemporary Europe, ha analizzato nel suo percorso di ricerca le diverse esperienze compiute nel settore dell’archeologia preventiva dai diversi paesi europei. Il convegno, organizzato da IBC ed INRAP-Institut National de Recherches Archèologiques Préventives, vent’anni dopo Malta e a quarant’anni dalla Convenzione UNESCO sulla protezione del patrimonio culturale e naturale mondiale, si propone un confronto fra alcune di queste esperienze, per verificare se e come, pur nella diversità dei contesti istituzionali e sociali, sia possibile trovare comuni strumenti per affrontare le nuove sfide che si pongono a chi si occupa della tutela e dello studio del patrimonio archeologico. (Testo tratto dal comunicato stampa)

Programma

Ore 9 – Saluti e introduzione al Convegno

I programmi dell’Unesco in tema di protezione del patrimonio archeologico – Francesco Bandarin – UNESCO
L’attività della Direzione Generale per le Antichità in materia di Archeologia Preventiva – Luigi Malnati – Direttore Generale delle Antichità, MiBAC

Ore 10.45 – Coffee break
Ore 11 – Relazioni

L’archeologia preventiva in Italia fra nuove sfide e vecchi problemi – Remo Bitelli, Romina Pirraglia, Andrea Santangelo – IBC
Does The Netherlands look like Malta yet? An evaluation of the state of affairs twenty years after the signing of the European Convention on the Protection of the Archaeological Heritage – Monique H. van den Dries – Faculty of Archaeology – Leiden University
The many ways of german preventive archaeology with special consideration of the land Saxony – Harald Stäuble – Landesamt für Archäologie Sachsen

Ore 12.30 – Pausa pranzo
Ore 13.30 – Relazioni

Conservazione e trasformazione: le sfide di un’esperienza italiana – Andreina Ricci – Università di Roma – Tor Vergata
La ricerca archeologica negli Istituti stranieri di Roma – Stéphane Bourdin, Elisa Nicoud – École Française de Rome
Development-led archaeology in England today – Roger Thomas – English Heritage
Epica, etica, etnica, pathos. L’archeologia preventiva italiana sotto il tiro di vecchi e nuovi cecchini – Paolo Gull – ANA Associazione Nazionale Archeologi
L’archéologie préventive en France en 2012 – Pascal Depaepe, Kai Salas Rossenbach – INRAP

Ore 16.00 – Discussione
Ore 17.00 – Conclusioni

Note informative

Titolo: Vent’anni dopo Malta. L’archeologia preventiva in Europa e in Italia
Luogo: Roma. École Française de Rome. Piazza Navona, 62
Data: venerdì 19 ottobre 2012. Dalle ore 9.00 alle ore 18.00
Costo: ingresso libero e gratuito
Informazioni:
Segreteria
Romina Pirraglia – IBC – tel. +39 0515276150 – rpirraglia@regione.emilia-romagna.it
Andrea Santangelo – IBC – tel. +39 0515276164 – asantangelo@regione.emilia-romagna.it
web – www.ibc.regione.emilia-romagna.it/appuntamenti/ventanni-dopo-malta-l2019archeologia-preventiva-in-europa-e-in-italia