22 Novembre 2019

Le solidarietà politiche nella repubblica romana

Le solidarietà politiche nella repubblica romanaIl cittadino romano tra reti di solidarietà sociali e funzioni pubbliche.
(Presentazione editoriale)

Reperibilità
Il libro è disponibile in commercio ? – sì – 18.00 euro

La scheda bibliografica
Cosi Raffaella, Le solidarietà politiche nella repubblica romana. Bari 2002, Edipuglia. Pp160, In8, brossura editoriale. Collana Documenti e Studi. Collana del Dipartimento di Scienze dell’antichità dell’Università di Bari. Sezione storica [33]
ISBN – 9788872283516

Prefazione
(di Raffaella Cosi) – ATTENZIONE – Riproduzione vietata

Molto dibattuta attualmente è la tematica che investe la riflessione sui rapporti socio-politici a Roma e sulla loro incidenza nelle dinamiche di gestione del pubblico. In quest’ambito la presente trattazione focalizza l’importanza di legami sociali e istituzionali agenti su piani di parità, in generale meno noti e studiati di quelli clientelari, nella Roma repubblicana e ancora altoimperiale; in particolare si cerca di individuare i modi di agire delle solidarietà tra sodales, tra vicini, tra membri della stessa tribù e la loro interazione sul terreno civico: processuale e dichiaratamente politico. L’attenzione è poi rivolta più alle strutture e ai meccanismi che ai singoli episodi o personaggi; si tiene peraltro conto dell’evoluzione nel tempo dei fenomeni studiati.
Si è tentato di delineare attraverso il lessico il modo di porsi degli scrittori antichi di fronte alle molteplici reti di relazioni e come esse venivano sentite, al fine di cogliere la visione che si aveva socialmente dei vincoli in tema di scelte politiche.
L’analisi passa attraverso le problematiche inerenti lo stato di conservazione della nostra tradizione storiografica e letteraria in generale, assai carente per l’età più alta e mediorepubblicana. L’interpretazione dei fenomeni osservati è complicata poi, in età mediorepubblicana, dall’estrema episodicità delle attestazioni, cui in parte supplisce il ricorso alla documentazione offertaci dalla commedia plautina e terenziana, che indirettamente testimonia, attraverso la descrizione di un ampio spettro sociale, di realtà che per il periodo considerato non ci è dato di ricostruire altrimenti.
Accanto alle testimonianze letterarie, tra le quali è evidente per la tarda repubblica ancora una volta la preponderanza della documentazione ciceroniana, poche epigrafi, per quanto di un certo rilievo, hanno gettato qualche luce pure sugli spazi e sulle lacune in età arcaica e altoimperiale.
I riferimenti di epoca imperiale mostrano, nel raffronto con quelli del periodo precedente, una scarsità di attestazioni anche però imputabile ai mutamenti intervenuti nell’ordinamento della res publica e nei rapporti politici sotto il principato.
La ricerca è l’elaborazione di una dissertazione di Dottorato in Storia antica tenuta presso l’Università degli Studi di Bari nel 1999 con il tutorato del Prof. Mario Pani, che ringrazio con affetto e stima per la sua guida costante e preziosa. Dedico il libro ai miei genitori.

Indice volume
Prefazione
L’espressione di un vincolo sociale: la necessitudo
Politica e rapporti sociali a Roma [7-9]
Il concetto e le espressioni della necessitudo [10-20]
Necessitudines e comportamenti pubblici [21-28]
Sviluppi in età imperiale [29-32]
Sodalità e degenerazione politica
Definizione e origini del vincolo di sodalitas [33-36]
Politicizzazione del legame e deroghe al rapporto di solidarietà [37-41]
Struttura interna delle sodalitates [42-43]
La legislazione repressiva tardorepubblicana [44-53]
Sviluppi in età imperiale [54-58]
Una solidarietà territoriale: la vicinitas
Contiguità e solidarietà: fase originaria del rapporto di vicinato e suoi sviluppi [59-66]
La solidarietà di vicinato in ambito giudiziario [67-69]
I vicini nella lotta politica [70-78]
La solidarietà tributa e la sua utilizzazione politica
La tradizione della solidarietà [79-93]
Le degenerazioni politiche tardorepubblicane [97-108]
Conclusioni [109-131]
Sigle
Bibliografia
Indici